Ai Castelli Romani arriva il Kung Fu Shaolin

Con la U.I.K.T (Unione Italiana Tradizionale) ai Castelli Romani si può praticare l’originale sotto la guida del monaco della 34° generazione Shi Yan Ti.
I corsi sono tenuti dal maestro Marco Michelini che possiede un’esperienza di 35 anni nello stile, portando con umiltà ed onore la memoria del suo maestro. Egli attualmente, oltre all’insegnamento, periodicamente mantiene un costante aggiornamento formativo con il monaco.
Lo svolgimento delle lezioni viene praticato presso la palestra ‘Dreamy Angels’, situata in via Variante di Cancelliera ad Ariccia ove si trova anche il bar bistrot “For You By Fortini”.
Le lezioni si tengono in orario serale il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17:30 (turno bambini), 18:30 (turno adulti) fino alle 21:00 .

Il maestro Marco Michelini nello svolgimento di una sua lezione

Nella scuola oltre allo Shaolin tradizionale si insegna anche lo stile dei 5 animali. Cosa sono? Vi sveliamo qualche piccolo segreto:

  • Il drago (Loong): un animale mitologico di grandi dimensioni, con il corpo da anfibio, rettile e uccello al tempo stesso. Rappresenta lo spirito, può muoversi in aria, in acqua e sulla terra, perché lo spirito non ha forma né confini.
  • La tigre (Fu): un felino possente e coraggioso, molto forte e ben piantato al suolo.
  • La gru (Hok): un uccello plastico ed elegante, raffinato in azione, duro e morbido al tempo stesso, anche se la sua forma e il suo stile di movimento ne enfatizzano maggiormente la capacità di aggirare gli ostacoli con flessibilità, evitando la contrapposizione diretta.
  • Il leopardo (Pao): un felino di modeste dimensioni e di eccezionale velocità. Grazie a uno scatto muscolare potente e a un apparato tendineo molto allungato, nella corsa esprime la sua dote fisica migliore.
  • Il serpente (She): nella filosofia del pensiero cinese rappresenta il Ch’i (energia vitale) e il sangue, ossia un’essenza intrinsecamente connessa alla vita.

Le arti marziali rappresentano uno sport completo e raffinato, e lo Shaolin ai Castelli Romani è senz’altro un traguardo di cultura significativo per le prossime leve.

Dir. Emanuele Caracci


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *