“Armonie di ottobre” – Il territorio nel piatto e nel bicchiere

Con un evento partecipato, e deliziato dai sapori che verranno proposti nel weekend a Valmontone, è stata presentata presso l’Enoteca Vyta di via Frattina, a Roma, la tre giorni che, da sabato 12 a lunedì 14 ottobre, animerà le splendide sale affrescate di Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone con “Armonie di ottobre” e “Tartufo Più”. Si tratta di due manifestazioni dedicate alla promozione e alla degustazione dei migliori prodotti eno-gastronomici del Lazio, e non solo, organizzate dal Comune di Valmontone con il patrocinio ed il contributo di Arsial e della Regione Lazio, assessorati all’agricoltura e al turismo.

Al piano terra del Palazzo, 12 chef locali creeranno un menù unico (con 4 antipasti, 4 primi e 4 secondi) con cui gli ospiti potranno gustare i principali sapori del territorio, cucinati utilizzando i prodotti di forni, macellerie, caseifici, laboratori di pasta artigianale e pasticcerie locali, oltre alle migliori specie di tartufi del Lazio, siano essi bianchi e neri. Nel piano nobile, invece, verrà ricreato un percorso a banchi di assaggio teso ad esaltare il programma iconografico, ricco di riferimenti mitologici e letterari, attraverso le etichette di 70 aziende vitivinicole selezionate tra le più importanti del panorama enologico regionale e nazionale.

Padrini di eccezione delle due manifestazioni sono lo chef stellato Paolo Gramaglia (1 Stella Michelin), executive chef e patron del ristorante President di Pompei, e Roberto Cipresso, uno dei migliori enologi e studiosi di vino al mondo, entrambi protagonisti di spazi propri secondo un programma specifico.

“Tra i piatti che animeranno la manifestazione – afferma Giulio Pizzuti, assessore alle attività produttive del Comune di Valmontone – non potrà mancare lo gnocco di tritello, di recente riconosciuto da Arsial prodotto agroalimentare tradizionale (Pat) e la ciambella scottolata, per la quale i cinque panificatori di Valmontone sono prossimi al riconoscimento De.Co. di Anci Lazio. Grande protagonista sarà, ovviamente, anche il tartufo e, nel settore vini, avremo 70 tra le migliori aziende del Lazio e di tutta Italia. Fondamentale, per noi, è anche la collaborazione con le scuole, sia con gli istituti comprensivi di Valmontone che con i due istituti di istruzione superiore, alberghiero Livatino di Cave e grafico e turistico via Gramsci di Valmontone, con gli studenti impegnati in un concorso, rispettivamente per la migliore ricetta e la migliore fotografia”.

“L’idea che c’è dietro il progetto di Armonie di ottobre – commenta la consigliere regionale Eleonora Mattia, presidente della IX Commissione della Regione Lazio – è quella di uscire dagli schemi della fiera enogastronomica ed utilizzare i sapori e le eccellenze di un territorio come strumento di promozione turistica e culturale, di sostegno all’imprenditoria locale, di valorizzazione dei prodotti agricoli del territorio. Armonie di ottobre e TartufoPiù sono due eventi distinti, legati però dalla stessa filosofia, quella di animare Palazzo Doria Pamphilj consentendo ai visitatori di gustare i piatti della tradizione, i migliori vini del Lazio e numerose specie di tartufo, fondendo in un’unica offerta le diverse facce dell’economia di un territorio”. “La grande innovazione introdotta dal Comune di Valmontone e dall’assessore Giulio Pizzuti sta nel fatto che la manifestazione non dura soltanto tre giorni ma un anno intero, attraverso tredici tappe di avvicinamento che hanno visto protagonisti i principali chef locali che, con menu speciali studiati di volta in volta, hanno consentito a tante persone di conoscere Valmontone e le eccellenze della provincia di Roma e della nostra Regione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *