Due mostre e un concerto Aut-Out Of-f Biennale

Secondo appuntamento per la Rassegna “Aut-Out Of-f Biennale”, SABATO 26 agosto 2017, dalle 18,30, con DUE MOSTRE E UN CONCERTO alla Galleria ItinerArte, Venezia, Dorsoduro 1046 (accanto alle Gallerie dell’Accademia). INGRESSO LIBERO

Nei due spazi in cui si articola la Galleria (lo Spazio Campiello e lo Spazio Rio Terà), vernissage delle due mostre dedicate rispettivamente alla scultrice milanese MARIA LUISA RITORNO (“Ritmi nello spazio”) e agli artisti V. Carrera, F. Cuman, P. Lo Giudice e G. Magarò (quattro mini-personali a confronto tra pittura, scultura e video: “Crossing the Arts”) con mini-concerto in acustica del giovane cantautore mantovano MASSIMILIANO CRANCHI, che, voce e chitarra e accompagnato da David Merighi alle tastiere, presenta per la seconda volta a Venezia, dopo il successo riscontrato nell’aprile scorso, brani del quarto Album appena pubblicato e intitolato “Spiegazioni improbabili” (New Model Label) oltre a qualche pezzo degli albums precedenti.
Direzione artistica e curatela: Virgilio Patarini. Organizzazione: Zamenhof Art (Milano- Napoli), in collaborazione con l’associazione Le Pleiadi (Venezia).
Le mostre saranno aperte già da venerdì 25 agosto (ore 16-19) e saranno poi visitabili fino al 4 settembre, tutti i giorni dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19, con chiusura il lunedì. Ingresso libero. Qui di seguito una breve presentazione dei tre eventi.

MARIA LUISA RITORNO, RITMI NELLO SPAZIO
La scultura di Maria Luisa Ritorno si gioca tutta sull’incontro e sullo scontro tra due forze apparentemente contrapposte: incontro e scontro tra la verticalità maschile e la sinuosità femminile. La tensione verso l’alto, verso il cielo, che è anche tensione mistica, tensione verso la trascendenza, entra in collisione con l’atto di piegarsi, di flettersi verso la terra in una curva che è un abbraccio dei sensi, nella ricerca di un rapporto fisico, sensuale con la realtà terrena. Agli antipodi, la sfera e la linea retta verticale se ne stanno così, una accanto all’altra, come in attesa. La quiete prima della tempesta. Il pensiero prima dell’azione. L’istante prima della danza: quel tempo come sospeso in cui il corpo femminile e quello maschile se ne stanno uno di fronte all’altro, apparentemente immobili, in realtà carichi come molle, carichi della loro forza ancestrale e antitetica, carichi della loro forza di attrazione. Azione in potenza.
(…) Sono due misteri che si confrontano: il Maschile e il Femminile. L’Anima e il Corpo. La Ragione e le Emozioni. E da tale confronto scaturisce la scultura della Ritorno: una danza immobile fatta di elissi, di curve parallele, convergenti, divergenti, una serie coinvolgente di movimenti elicoidali, a spirale, scale armoniche ascendenti, discendenti, sfere, fratture verticali improvvise, istanti di sospensione, in estatico equilibrio, e cadute fulminee, repentine nel vortice dei sensi. Con un ritmo, un respiro moderno e un afflato antico di classicissima ricerca di armonia.
Virgilio Patarini (da «Terza Dimensione», Ed. Giorgio Mondadori, 2011)

VALENTINA CARRERA, FABIO CUMAN, PAOLO LO GIUDICE, GIORGIO MAGARò
QUATTRO PERSONALITA’ A CONFRONTO “CROSSING THE ARTS”

I quadri di Valentina Carrera e Fabio Cuman sono una ridda ubriacante di ossimori, di coerenti contraddizioni: sono immobili tempeste, sono lampi di tenebra fatti di materia spirituale, sono funambolici giochi da tavolo di disequilibrato equilibrio, criptiche rivelazioni di un caos ordinato, superfici tridimensionali di levigata scabrosità, arcaiche narrazioni contemporanee, apollinee composizioni dionisiache, ricche, colte e preziose opere di semplice e disarmante povertà. La forza primigenia e raffinata che promana da questi quadri deriva proprio dall’innata capacità di entrambi gli artisti di conciliare gli opposti per dar vita ad opere d’arte do sostanziale, corposa coerenza artistica ed eterea, originaria originalità. Ogni qualvolta un quadro viene costruito sull’inquieto equilibrio tra Luce e Tenebra, Ordine e Caos, Forma e Materia informe, ebbene in tutti questi casi non è possibile non pensare a risvolti di tipo cosmogonico. Quasi sempre dinnanzi ad uno di questi ci viene da pensare a quei momenti cruciali nella storia dell’Universo in cui la Luce è stata separata dalle Tenebre, le Terre dai Mari. Momenti che mitologie e religioni di tutti i tempi e in tutti i luoghi hanno raccontato molto spesso con immagini ed espressioni molto simili e che forse rappresentano un comune retaggio, profondo ed arcano dell’umana esperienza. Ma forse nel Macrocosmo si rispecchia il Microcosmo. Forse le cosmogonie raccontano, metaforicamente, soggettive, psicologiche ontogenesi. Forse dietro il conflitto tra la Luce e la Tenebra, tra il Cosmo e il Caos, si cela quello tra il Conscio e l’Inconscio e la nascita del mondo simboleggia la nascita del soggetto.
Negli ultimissimi lavori Fabio Cuman esalta questo discorso utilizzando direttamente la luce che inserisce dietro la tela ad esaltare gli effetti di contrasto, analogamente agli effetti ottenuti a suo tempo dalla Carrera con l’uso antico e mistico della foglia d’oro.

Nei giocosi e ironici assemblaggi di Paolo Lo Giudice, l’inerte, l’inanimato prende forme e sembianze di essere animato, diviene “animale” fantastico o cartone “animato” reinterpretato. Il pezzo di macchina o l’utensile rotto o il macchinario in disarmo, viene smontato e rimontato con la precisione di un ingegnere folle che ha deciso di sostituire il principio dell’utilità e della funzionalità con quello del divertimento e della fantasia. E un pezzo di motorino che non funziona più o un frullatore rotto può servire a rimettere in moto la nostra intelligenza e aggiustare la nostra allegria. Con un sovrappiù di riflessione sulle forme “biomorfe” che si celano negli ingranaggi delle forme meccanomorfe. E forse anche di velata nostalgia. L’artista rievoca attraverso una marmitta rovesciata il corpo e il collo di aironi e altri sontuosi volatili, che proprio tante marmitte scoppiettanti (e funzionanti) stanno portando al rischio di estinzione. E il canto del cigno di metallo nasconde dietro la risata beffarda forse una nota sorda e vibrante di sarcasmo che sfuma nell’amarezza e nella malinconia. E non è un caso allora che Lo Giudice abbia, tra i tanti personaggi, un giorno rievocato con pezzi di ferro e bulloni la maschera tragicomica di Charlot. Anche Paolo Lo Giudice, come Charlot, ci fa sorridere sui“Tempi moderni”,i con un fondo di struggente nostalgia. Anzi, no, per essere precisi Paolo Lo Giudice, a differenza di Charlie Chaplin, ci fa sorridere sui nostri “Tempi Post Moderni”, ovvero post-industriali, post-umani, postulanti, posticci, postribolari… E come un Mago di Oz dalla discarica del nostro consumismo meccanizzato egli fa sorgere eserciti di ferri-vecchi in rivolta armata…no, non armati di rivoltelle, ma di risate. (da «Terza Dimensione», Ed. Giorgio Mondadori, 2011)

Anche i video di Giorgio Magarò seguono un principio analogo a quello di Lo Giudice assemblando materiale preesistente: nel suo caso sequenze, fotogrammi di vecchi films e filmati che re-mixati assurgono a nuovi, spiazzanti significati: come ad esempio nel video “The Supermen” (https://www.youtube.com/watch?v=WOPB0uuOsMk) in cui il videomaker milanese contamina vecchi spezzoni di concerti di David Bowie (sua la canzone “The Supermen” che fa da colonna sonora del video), con sequenze del primo film su Superman (e altro ancora) e con riprese dell’attentato alle torri gemelle e relativo crollo dell’11 settembre 2001, con un effetto straniante in cui cronaca e visione artistica si mischiano e si confondono conducendo il fruitore, superato il primo momento di disorientamento, ad una serie di riflessioni su più piani, storico, culturale, sociologico, riuscendo l’artista nell’intento non facile di contaminare un approccio visivo pop con una visione più spiccatamente concettuale del fare arte
(Virgilio Patarini)

LA MUSICA DI MASSIMILIANO CRANCHI.
Cranchi vive sul Po. Il progetto “Cranchi” nasce nel 2010 dall’incontro tra Massimiliano Cranchi e Marco Degli Esposti. Un progetto artistico che vede al centro un cantautore, aperto però a contributi e collaborazioni di diversi musicisti che da anni lo accompagnano e costituiscono una realtà affiatata e consolidata, come una vera band e negli anni la musica è stata proposta in concerto nelle formule più disparate, dal semplice acustico chitarra e voce al trio con la presenza del violino fino ad arrivare alla band di otto elementi per gli spettacoli teatrali. Il luogo di origine è la provincia più profonda, lungo le rive del Po, dove, si incontrano Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.
“È canzone d’autore che sa di pianura e di fiume, di gente che vede le montagne ma non le ha mai scalate, che sente il profumo del mare ma non lo ha mai navigato” come ama definire lo stesso Cranchi, ma, nonostante la forza delle radici, c’è molto altro. Il primo cd, “Caramelle Cinesi” esce nel Febbraio del 2011. Cd intimo e riflessivo sul tema dell’amore e del viaggio mentre nel 2012 esce “Volevamo Uccidere Il Re” (In The Bottle Records), composto e arrangiato da Massimiliano Cranchi insieme a Marco Degli Esposti con la partecipazione di Federico Maio (batteria) e Simone Castaldelli (basso). Nel disco troviamo “Ho Lasciato Il Tuo Amore” che nel 2016 è entrata nella colonna sonora del film “I Cormorani” di Fabio Bobbio.
I Cranchi sono stati ospiti della serata finale del premio Tenco 2013. A Febbraio 2015 esce il terzo disco della banda: “Non Canto Per Cantare”, pubblicato da In The Bottle Records e New Model Label, con distribuzione Audioglobe. L’album è un concept ispirato e dedicato a Victor Jara, cantautore cileno e alle vicende che hanno portato alla dittatura nel paese sudamericano. Si tratta di un album politico ma allo stesso tempo di un album poetico, in bilico tra due anime. Il disco è stato accompagnato da un tour di oltre 50 date che ha portato Cranchi ad esibirsi anche in Cile. È ora la volta di questo quarto album intitolato “Spiegazioni improbabili”… Tra un concerto e l’altro Cranchi e la sua banda vivono sulle rive del Po.

VEDI PROGRAMMA COMPLETO DELLA RASSEGNA SU
https://www.zamenhofart.it/aut-out-of-f-biennale/


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *