“Nei panni di una donna??” – esilarante commedia con Luciana Frazzetto

Oggi pomeriggio Luciana Frazzetto, attrice versatile, poliedrica, incomparabile e travolgente, presenta il suo spettacolo “NEI PANNI DI UNA DONNA” nel Teatro “salotto di Pulcinella” – diretto da Vincenzo De Vivo –  a Roma, in Via Urbana e scritto assieme a Riccardo Graziosi..

L’esilarante monologo è uno spaccato di vita che accomuna un po’ tutti noi.  La protagonista è una sartina che tra un orlo e una cerniera, un marito, due figli, un cane e un canarino, racconta tutto quello che può avvenire in una famiglia normale, ad una donna normale, parlando di figli, di sesso, di facebook, di vacanze, di internet e di tutti quelli che se non chattano sembrano morti.

Lo spettacolo, diretto da Massimo Milazzo, mette in scena la quotidianità della vita con le sue manie, le sue abitudini, i suoi difetti.

Il testo ha il pregio di raccontare le peripezie di un personaggio con una notevole carica ironi-comica, che nel suo percorso incontra un marito-padrone, due figli bamboccioni e suocere ingombranti.

E’ uno spettacolo comico che mette lo spettatore di fronte ad una cruda realtà che è la violenza sulle donne anche se raccontata in modo semplice e leggera, nonostante si tocchi un argomento così tragico.

Uno spettacolo che promette tante risate con un suggestivo colpo di scena finale in quanto vengono, durante il monologo, lanciati diversi messaggi  che solo alla fine dello spettacolo vengono spiegati.

In definitiva anche in questo spettacolo Luciana Frazzetto è grandiosa con uno spettacolo che fa emozionare e riflettere come solo la magia del teatro sa fare e sopratutto come solo la magia di una grande attrice completa che riesce a passare dal comico al drammatico con una leggerezza che solo grandi professionisti sanno fare .

Il Salotto di Pulcinella nasce oggi nel 2015, per volere di Vincenzo De vivo, cantante,  amante del Teatro e della Canzone Napoletana, nei locali di un ex ristorante  nato nei primi del 900.

Negli anni  prima  e  dopo la guerra,  di rimpetto all’ex ristorante (oggi Il Salotto di Pulcinella), c’era il famoso  Teatro Manzoni dove andava in scena la rivista  con Petrolini, Anna Magnani, Rascel, Macario e il grande Totò. Questi artisti erano frequentatori del ristorante antistante il teatro.

Oggi le mura del Salotto di Pulcinella,  se potessero parlare, come si dice a Napoli, ci  racconterebbero come e cosa mangiavano, le curiosità, i loro incontri  a cena con impresari, accordi di paghe, malumori, gioie, speranze,  in pratica la  loro vita di quell’epoca.

Intorno agli anni ‘60, iniziò il declino e il teatro ormai fatiscente abbassò il sipario per sempre.

Il Teatro fu utilizzato dal giornale Il Messaggero di Roma fino al 1999  per stampare il quotidiano della capitale, distruggendo tutto per fare spazio alle rotative e ai  serbatoi dell’inchiostro e i locali vennero impiegati per lo stoccaggio delle balle di carta.

Rimase chiuso per diversi anni e si sperava in una rinascita del teatro, ma la proprietà, passata ad un costruttore, ne decise le sorti, facendolo diventare  un lussuoso palazzo di abitazioni private e conservando, sì, la memoria,  ma del Messaggero e non del povero teatro dimenticato

Nel frattempo il ristorante continuava la sua vita fino a che nel 1992 fu ristrutturato dai fratelli Vincenzo e Mario De Vivo e divenne ristorante Pulcinella.

La particolarità del locale fu: la gestione verace napoletana fatta dai due fratelli, la semplicità degli arredi, il bianco delle pareti, e  tre  tele  giganti, meravigliose.

  • La  prima ritrae la Napoli del 600.
  • La seconda un Vesuvio in eruzione illuminato da una luna stupenda. Grazie al gioco delle luci, la luna e la lava sembrano vere.
  • La terza, Napoli dell’Ottocento, raffigurante il maschio Angioino  dal titolo le Guarrettelle, di Filippo Falciatore, pittore della metà dell’ottocento.

Tutto ciò , diede al locale  un’anima Napoletana particolare, sia per le specialità gastronomiche che per le cene spettacolo e la  musica rigorosamente napoletana. Fu frequentato da una clientela nota,  Napoletana e non solo. Anche  le anime degli artisti del teatro di rimpetto, continuavano a frequentare  il nuovo ristorante PULCINELLA. Dopo tredici anni di attività ristorativa il ristorante venne chiuso  per poi rinascere come PICCOLO TEATRO  IL SALOTTO di PULCINELLA. Le anime di questi artisti  continuavano a frequentare il ristorante, ma nello stesso tempo entravano anche nel cuore di Enzo, stimolando  la sua  fantasia creativa,  senza uscire più. Gli artisti  in coro con Toto’ in prima fila gli dicevano: fallo diventare un piccolo teatro, lui gli rispondeva: ma è piccerillo,  e loro: nù fà nient, non importa che è Piccerillo,  Enzù è a fantasia c’adda essere grande assaie.

                                                                                                                                                                                                                                     


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *