Popolo confuso, Theresa May vs Jeremy Corbyn.

Dopo le elezioni anticipate, tenutesi giovedì 8 maggio 2017, in Gran Bretagna i cittadini si sono trovati di fronte ad una scelta difficile visto la situazione che sta attraversando il paese stesso. Sia in ambito terroristico che politico.
Dunque giovedì scorso, il popolo britannico avrebbe dovuto scegliere tra Theresa May e Jeremy Corbyn. Da un lato abbiamo la leader del partito conservatore e dall’altro il leader del partito Laburista. Da precisare che al voto sarebbero andati, ovviamente, gli stessi cittadini che hanno votato per la Brexit. Ma sembra che, dopo il primo exit poll di giovedì sera, in molti  si siano pentiti della scelta fatta nel referendum del giugno 2016. In quanto ancora una volta abbiamo la May al comando, ma il partito conservatore non possiede più la maggioranza nella Camera dei Comuni. Questo dato sottolinea la confusione tra i cittadini britannici.

“Sconfitta vittoriosa”?

Al momento non vi è un vero e proprio termine in grado di definire questa strana vittoria. Jeremy Corbyn ritiene che l’attuale premier britannica debba dare le dimissioni. Ma quest’ultima è ben motivata e pronta a dare il meglio al popolo inglese. Non a caso Theresa May nella giornata di ieri ha rilasciato un’intervista per la BBC. Nella presente afferma: “formerò un nuovo Governo per attuare la Brexit e rendere il Paese sicuro”. Inoltre nella stessa intervista la “perfida” May chiede scusa ai deputati conservatori che hanno perso i loro seggi. Mentre l’opposizione con Jeremy Corbyn è pronta a formare un ‘Governo di minoranza’ “.

Il pentimento degli indecisi: così può essere definito il voto di giovedì scorso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *