A sei anni dalla scomparsa di Steve Jobs, in ricordo di un grande genio della creatività

da giovane

All’età di 56 anni scompariva, sei anni fa, uno dei più grandi visionari della storia moderna. In tanti pensano che non sia merito di Steve Jobs per le invenzioni che sono state portate dalla Apple, dalla Pixar, dell’evoluzione che la tecnologia ha avuto negli ultimi anni… La verità è che Steve Jobs ha rivoluzionato il mondo dell’informatica, dell’industria essendo uno dei geni più studiati nelle business school e non solo.

Faccio mie le parole di Tim Cook, CEO di Apple che oggi lo ricorda così:

Traducendo “Ricordiamo Steve Jobs oggi. Ancora con noi e ancora continua a ispirarci: ‘Fai qualcosa di meraviglioso e mettilo a disposizione'”. Semplice, toccante e del tutto condivisibile anche il ricordo della bella figlia Eve su Instagram, in cui si nota la scritta “Here’s to the crazy ones”, l’inizio della celebre pubblicità Apple con l’esortazione ai folli “perché solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo lo cambiano davvero”.

La carriera

Steve Jobs ha fondato la Apple nel 1976 con Steve Wozniak, ed ha lanciato i prodotti più iconici della compagnia: nel 1984 il Macintosh, nel 2001 l’iPod, nel 2007 l’iPhone e nel 2010 l’iPad. Ha lasciato Apple definitivamente il 24 agosto 2011 per via di problemi salutari, con il decesso avvenuto il 5 ottobre 2011. Pochi giorni dopo Apple ha annunciato l’uscita dell’iPhone 4s.

Nella sua carriera Jobs è stato allontanato dalla sua creatura, Apple, per un periodo di 12 anni a partire dal 1985 per delle divergenze avute con il direttivo della Apple ed in particolar modo con John Scalley, il quale venne assunto da Steve stesso come Amministratore Delegato di Apple dal 1983 al 1993. È stato un momento importantissimo per la formazione del visionario, che nel frattempo ha fondato NeXT (acquisita dalla stessa Apple nel 1997), e la famosa azienda di produzione cinematografica Pixar. Nel 1997 Jobs ritornava in Apple trasformandola da società in completa decadenza ad Apple Inc, ovvero nella StartUp più grande del pianeta.

Apple ha offerto il nome di Steve Jobs allo Steve Jobs Theater nel nuovo Apple Park a Cupertino. Alla sua inaugurazione Tim Cook ha espresso queste parole:

“Steve ha avuto un grande significato per me e per tutti noi. Non passa giorno senza ricordarlo. I ricordi sono tornati alla memoria mentre ci preparavamo per oggi e per questo evento. C’è voluto un po’, ma adesso possiamo ricordarlo con gioia, e non con tristezza. Lo spirito di Steve e la sua filosofia senza tempo sulla vita saranno sempre il DNA di Apple. Il suo più grande regalo, la più grande espressione del suo apprezzamento per l’umanità non è stato un singolo prodotto. È stata la stessa Apple”.

Steve Jobs presenta il primo modello di iPad il 27 gennaio 2010
Steve Jobs presenta il primo modello di iPad il 27 gennaio 2010

Io aggiungo che il grande regalo di Steve Jobs è stato il suo grande insegnamento di vita, basti prestare attenzione al suo celebre discorso tenuto all’università di Standford il 12 giugno 2015.

Mi unisco in rappresentanza della nostra StartUp Artista Promotion a ricordare quest’uomo straordinario, essendogli sempre devoto e riconoscente per i suoi insegnamenti di vita.

A cura di Emanuele Caracci 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *