Francesco Grandis ci porta sulla strada giusta

La strada giusta

, classe 1977 ingegnere, nel 2009 ha mollato tutto ed è partito per un viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità.

L’esperienza è diventata nel 2015 il suo libro d’esordio autopubblicato dal titolo “”.

Francesco si è messo in cammino sulla strada giusta visitando posti dall’altra parte del mondo, come Argentina e India, e a pochi chilometri da casa, percorrendo a piedi un tratto della , un sentiero che collega Venezia a Monaco.

Così ha riscoperto il contatto con la natura, il silenzio, il viaggio come conoscenza, il tempo come risorsa preziosa e la passione per la scrittura.

Nel raccontare il suo peregrinare alla ricerca di indizi, in uno stile asciutto e lineare, emerge l’autentico desiderio di condividere un’esperienza di con umiltà e saggezza e senza alcuna presunzione.

Gli aspetti più interessanti del libro sono: le riflessioni sulla gestione del tempo, il nomad working (lavorare viaggiando) e il manifesto della nuova vita secondo Wil, ossia quella che Francesco definisce una dieta equilibrata per il proprio tempo.

Un libro che fa riflettere, in cui non mancano la solitudine, i ripensamenti e le incomprensioni con gli affetti più importanti. Una storia che forse dà un po’ di fiducia a chi, come è successo a Francesco, non si sente sulla strada giusta ma non ha il coraggio di mollare quei luoghi comuni in cui spesso è racchiuso quello che ci impedisce di metterci o rimetterci in cammino.

Cerchiamo di capire cosa siamo davvero e cosa potremmo essere. Non fidiamoci solo delle forze che abbiamo ora, ma di quelle che sappiamo di avere, nascoste da qualche parte”. (Francesco Grandis)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *