“La Coldiretti Piemonte presenta a Roma l’Igp dei Vitelloni Piemontesi della Coscia”

La capitale ha dato il benvenuto con un caloroso abbraccio all’Igp dei Vitelloni Piemontesi della Coscia durante la presentazione, moderata da Jimmy Ghione di Striscia la Notizia ed alla quale hanno preso parte oltre 500 allevatori del Piemonte, a Palazzo Rospigliosi a Roma, con il presidente Coldiretti Roberto Moncalvo.

Dopo l’ufficialità da parte dell’Unione Europea del riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta, arrivato a seguito di un iter burocratico partito nel 2009  e fortemente sostenuto dagli allevatori di Coldiretti, è stata l’occasione per conoscere ed apprezzare direttamente le caratteristiche della più importante razza bovina da carne Made in Piemonte, nota in tutto il mondo per la sua qualità di altissimo livello.
Con la presidente di Coldiretti Piemonte Delia Revelli ed il Delegato Confederale Bruno Rivarossa, hanno tracciato il percorso  che ha portato ad ottenere questo importante risultato e ne hanno sottolineato l’importanza economica il presidente ed il direttore del Coalvi, consorzio di tutela della razza Piemontese, Carlo Gabetti e Giorgio Marega.
A spiegare il lavoro svolto da Coldiretti presso l’Ue Maurizio Reale, responsabile nazionale di Coldiretti a Bruxelles e ad illustrare le analisi svolte per la sicurezza delle carni italiane direttrice dell’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.
L’agrichef di Campagna Amica Stefania Grandinetti ha illustrato l’importanza nella tradizione gastronomica del Piemonte della carne di razza Piemontese, facendo scoprire i piatti tipici e i tagli più idonei per preparare le varie ricette, oltre a fornire i consigli per cucinare al meglio la grigliata in vista dell’estate. Presenti la Regione Piemonte, rappresentata dall’Assessore all’Agricoltura Giorgio Ferrero e dal responsabile del settore promozione Paolo Cumino e tra le varie associazioni quella dei Piemontesi a Roma.
Un risultato frutto di un grande lavoro di squadra tra la nostra Organizzazione e tutte le associazioni, quali il Coalvi, l’Anaborapi, L’Arap Piemonte e l’Asprocarne, oltre agli uffici Confederali e a quelli di Bruxelles che hanno permesso un’accelerazione dell’iter burocratico – spiega Delia Revelli presidente di Coldiretti Piemonte – L’Igp va a valorizzare e a tutelare una razza storica, legata fortemente al nostro territorio, il cui allevamento è sempre più diffuso, arrivando a contare 276 mila capi nel 2016.
 
Ora guardiamo al futuro – conclude Revelli – affinché questo riconoscimento si possa concretizzare sul territorio attraverso importanti progetti a beneficio delle nostre imprese e del tessuto economico locale”.
“In Piemonte si contano 6 mila aziende che allevano la razza bovina Piemontese con quasi 300 mila capi e 15 mila addetti. Il fatturato arriva a 500 milioni di Euro e per l’intera filiera, comprendente la logistica, il trasporto, la mangimistica, la macellazione ed il sezionamento, si raggiungono quasi 800 milioni di Euro – ha spiegato Bruno Rivarossa Delegato Confederale – Dati che denotano quanto incida il comparto nel panorama dell’economia piemontese, oltre che del suo indotto. Un patrimonio consolidato grazie anche ad azioni messe in campo da Coldiretti, da Campagna Amica attraverso la vendita diretta e dai nostri imprenditori. Un risultato – conclude Rivarossa – che, oltretutto, garantisce al consumatore tracciabilità ed elevata qualità del prodotto per la sicurezza alimentare”.

L’allevamento della Piemontese ha una presenza centenaria, rilevata per la prima volta nel 1886 nel comune di Guarene, in provincia di Cuneo, ed è caratterizzato  da animali con uno straordinario sviluppo muscolare, particolarmente visibile sui quarti posteriori che condiziona positivamente le caratteristiche organolettiche della carne più apprezzate dai consumatori, il ridottissimo contenuto in lipidi, l’elevato contenuto in proteine, il colore dal rosato al rosso chiaro brillante.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.