Pitti Bimbo moda Firenze

Nella settimana dal 17 a 19 gennaio si è svolta a presso la Fortezza da Basso la , unica grande manifestazione che riguarda la moda dei piccoli dal neonato all’adolescente.

Dieci le sezioni riguardanti le tendenze di abbigliamento di Pitti Bimbo, accessori e novità per la moda Bimbi.
La manifestazione è aperta soltanto ai compratori specializzati. Quindi hanno partecipato negozi, catene di negozi, store, , fornitori, rappresentanti, stampa, pubblico escluso. Essa si svolge due volte l’anno.
Le sezioni: Apartment, KidzFizz, Activelab, The Nest,Ecoethic, Fancy Room, Pitti Bimbo, Sport Generation, Superstreet, Fashion at Work.
Oltre 10.000 i visitatori, sono diminuiti i buyers italiani ma sono stati compensati da quelli stranieri.
Quest’anno oltre 500 espositori a Pitti Bimbo che hanno esposto vestiti, giacche, abbigliamento innovativo per bimbi.
Ad esempio la giacca con zip impermeabile di Hugo Boss, tono su tono.
Lagerfeld Kids ha presentato una collezione sportiva e chic allo stesso tempo, in bianco nero e colori pop.
Mia Bu ha proposto pellicce ecologiche e tessuti naturali uniti alla tecnologia della lavorazione, le bambine hanno indossato frange e fili argentati e dorati e i bambini capi con zip e cappucci.
Zadig & Voltare hanno proposto look che si rifanno agli adulti, in stile , , o denim e cachemire.
Capi casual sono stati proposti da Timberland, capi da città molto stilizzati e con tessuti tecnici,con logo formato maxi.

Roberto ha presentato per l’estate moda bimbi t- shirt e felpe con simpatici disegnati in colori pop.
Dolce e Gabbana hanno proposto abitini eleganti in organza e chiffon con temi animalier e sunflower in una splendida cornice, un bosco incantato con animali in pelouche e giganteschi funghi.
mescola stoffe maschili a motivi tribali e tradizioni e culture diverse. Un inno alla multiculturalità.
Philosophy presenta nella sua collezione miniabiti felpati, il e lo zebrato per la sera.
Bluemarine propone il rosa e il bianco per le piccole taglie. morbidi, tartan e il giallo per i capi sportivi.

In questa manifestazione si è notata molta creatività e coscienza ecologica.
Risultato: l’esito della manifestazione è andato oltre le aspettative e conferma che, nonostante la crisi, si è mostrato un vivo interesse, soprattutto da parte dei compratori internazionali per la nostra creativita’ e attenzione verso i capi prodotti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *