Trump e Ucrainagate da film, via all’Impeachment

Buongiorno cari lettori, Donald Trump continua a regalarci scene memorabili. Che rimarranno nella storia politica mondiale, oggi si tratterà il delicato Ucrainagate.

Tutto ebbe inizio con la famosa telefonata del 25 luglio. I due interlocutori erano: da un lato Donald Trump e dall’altro Volodymir Zelensky. Il presidente americano chiese a Zelensky di fornirgli materiale compromettente su Joe Biden (democratico), quest’ultimo ex vice – presidente di Obama. Dunque, la segnalazione della telefonata fatta da un “007” rimasto ancora anonimo, venne insabbiata dalla NSA. La segnalazione in questione o meglio il rapporto, reso pubblico il 26 settembre 2019, mostra che in cambio del materiale Trump avrebbe aiutato il presidente Zelensky nella rielezione del 2020.

Volodymir Zelensky
Donald Trump

Dopo la telefonata Trump, inviò il rappresentante speciale per l’Ucraina Kurt Volken, per convincere i funzionari ucraini. Oggi Kurt Volken, stranamente ha dato le dimissioni al suo presidente, coincidenza? Beh, gli si concede il cosiddetto beneficio del dubbio. Inoltre risulta coinvolto nella vicenda, l’avvocato personale di Donald Trump, ovvero Rudy Giuliani. Non solo coinvolto, ma pare che Giuliani abbia avuto un ruolo rilevante nella vicenda. Quest’ultimo da mesi stava raccogliendo elementi per l’inchiesta sulla Burisma, un’azienda di gas ucraina. Nel cui consiglio di amministrazione siede Hunter Biden, figlio del democratico nonché vicepresidente Joe. Dal rapporto risulta altresì, che Giuliani si vide due volte nel mese di Marzo col procuratore generale ucraino Yuriy Lutsenko. Il suddetto procuratore, venne sostituito da Zelensky mesi dopo, troppe “coincidenze” in questa vicenda. Molto probabilmente sostituito per non destare alcun sospetto.

Rudy Giuliani

Ecco il motivo per il blocco degli aiuti militari

Il 12 settembre Trump ha bloccato gli aiuti militari per l’Ucraina, in modo da persuadere il presidente Zelensky ed ottenere prima il materiale richiesto. Anche per questo proposito, la democratica e speaker della Camera Nancy Pelosi, ha avviato il 26 settembre 2019 la procedura di Impeachment.

Cosa è l’Impeachment? Messa in stato di accusa di un membro del Governo che abbia violato la Costituzione o che abbia commesso altri reati penali. Il termine “Impeachment” nasce nel 1973 per il caso Watergate, che vide coinvolto il presidente Richard Nixon.

Nancy Pelosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *