WhatsApp hastag ritorno al passato

Ben trovati amici ad un nuovo appuntamento dedicato a WhatsApp, l’applicazione più amata, alla messaggistica più usata al mondo, WhatsApp che torna al passato, facendo un passo indietro come già annunciato precedentemente negli articoli dedicati all’informatica tecnologia e Social.

Abbiamo assistito all’interno dell’applicazione all’avvento degli stato, e delle tagline, questo però non è piaciuto come abbiamo potuto dargli conto nei precedenti articoli, 92% degli utenti, che si sono riversati nel blog di WhatsApp, e hanno annunciato il loro dissenso, comunicandolo direttamente gli sviluppatori.

Quale sarà, quindi il futuro grafico di WhatsApp? È presto detto perché ufficiale noi dell’artista abbiamo già la possibilità in anteprima assoluta di comunicarvi quanto segue, WhatsApp torna indietro a livello grafico durante la prossima settimana che va dal 20 marzo 2017 al 28 marzo 2017, il nuovo aggiornamento grafico prevederà l’inclusione degli stato all’interno delle impostazioni nascoste di WhatsApp, principe di storie, dove liberamente gli utenti potranno attivare entrambe le funzioni poco amate, oppure decidere di eliminarle all’interno della propria applicazione e quindi nelle funzioni.

WhatsApp quindi torna indietro, alla vecchia grafica che conoscevamo, inserendo nuovamente le didascalie tanto amate dagli utenti, WhatsApp però pensa anche a monetizzare, visto che ormai da anni non si pagano più i €0,90 l’anno, ho i €2,50 ogni tre, quindi è necessario secondo gli sviluppatori dove monetizzare l’applicazione più amata al mondo, inserendo all’interno delle chat messaggi pubblicitari, sì avete capito bene messaggi pubblicitari come avviene in altre applicazioni free.

L’inserzione di messaggi pubblicitari, prevederà quindi la possibile inclusione di messaggi informativi delle varie multinazionali all’interno dei messaggi pubblicitari delle chat di WhatsApp, l’utente quindi sarai informato il livello commerciale tramite notifica whatsapp.

Questa notizia sicuramente lascerà l’amaro in bocca agli utenti che forse non ameranno ricevere messaggi pubblicitari all’interno delle conversazioni WhatsApp, ma è altrettanto vero che se c’è necessità di monetizzare da parte di WhatsApp, questo sicuramente è un ottimo metodo, visto che whatsApp è usata da miliardi di utenti nel mondo.

In media, ci sarà da attendere quindi per tornare al vecchio stato grafico di WhatsApp qualche giorno, per poi godere ancora dell’applicazione come la conoscevamo, dando un occhio magari anche alle inserzioni pubblicitarie nelle chat, le quali sicuramente saranno motivo di discussione nei blog, per la loro presenza, perché c’è da scommetterci che gli utenti per lo più, non saranno affatto contenti di ritrovarsi messaggi pubblicitari all’interno dell’app più amata al mondo.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *