”Gibellina Photoroad”:30 mostre di fotografia nel museo ”a cielo aperto” più grande del mondo

ghibellina copertina bella

A ,cittadina di 4000 abitanti,in Sicilia,la si espone ”a cielo aperto”,tra strade e piazze,il museo è la città stessa.Tra Palermo e Trapani,distrutto da un terremoto nel 1968,l’abitato fu spostato più a valle,con un progetto di ricostruzione,basato sull’arte e la cultura,che negli anni ha prodotto il più grande museo a cielo aperto d’arte contemporanea d’Europa,con opere di Pomodoro,Paladino,Consagra,Schifano,Guttuso. Si svolge in questo scenario,dal 29 luglio al 31 agosto,Gibellina Photoroad – Festival internazionale di Fotografia Open Air che porterà alcuni degli autori della fotografia internazionale tra le case e le architetture contemporanee della cittadina siciliana. Il festival nasce con l’intento di valorizzare una città ricca di opere d’arte come Gibellina,che nonostante sia considerata uno dei più grandi musei a cielo aperto del mondo risulta poco conosciuta. Più di trenta mostre in programma tutte da scoprire per la qualità delle immagini e l’originalità degli allestimenti il cui tema comune sarà quello del disordine,inteso sia come disordine procurato dai disastri naturali,che sconvolgono il paesaggio umano,raccontato in Italian quakes and other diseas da Olivo Barbieri,sia come disordine interiore che emerge nel rapporto contraddittorio tra l’uomo e i luoghi che esso vive,descritto da I Personaggi e Paesaggi della francese Valerie Jouve. A partire dal 1968 fino al 2016 Gibellina nello sguardo dei fotografi,un quadro di immagini scattate nel corso del tempo nella stessa cittadina da alcuni tra gli autori che hanno fatto la storia della fotografia italiana come Olivo Barbieri,Letizia Battaglia,Enzo Brai,Giovanni Chiaramonte,Vittorugo Contino,Guido Guidi,Arno Hammacher,Andrea Jemolo,Mimmo Jodice,Melo Minnella,Sandro Scalia,Silvio Wolf. Il racconto del disordine della contemporaneita’ si estende al mediterraneo grazie allo sguardo di Giulio Piscitelli,che in From here to there racconta il viaggio che i migranti compiono per raggiungere l’Europa. Storie di resistenza individuale,che diventano un movimento collettivo,messe in scena nei ritratti di Daesung Lee scattati sull’isola di Ghororama,destinata a essere sommersa dall’acqua a causa dei cambiamenti climatici. E ancora: il fotografo siriano Issa Touma in Women we have not lost yet racconta le donne di Aleppo sotto le bombe,il collettivo italo-francese Andrea & Magda descrive i luoghi del turismo di massa svuotati dal pericolo terrorismo in Sinai Park,l’autore romano Massimo Mastrorillo racconta le ricerche di fisica nucleare del Cern in God was there and I got so close,e il bengalese Sarker Protick,vincitore nel 2015 a soli 29 anni del prestigioso World Press photo,ci guida in un viaggio interiore con Origin. Il Festival,ideato e diretto da Arianna Catania,e’ realizzato con un finanziamento del dipartimento della gioventu’ della Presidenza del Consiglio,e organizzato dalla Galleria X3 di Palermo e dalla Fondazione Orestiadi di Gibellina.

Prometeo

ghibellina prometeo

 

On the Shore of a vanishing Island

ghibellina uomo solo

Isola di Ghororama – storie di resistenza individuale                                                                                                     Daesung Lee

 

Sinai Park

Taba, Sinai, July 2014. Seaside resort left unfinished and abandoned. After Israel's withdrawal in 1982, Sinai's sea side with its coral reeves and underwater life, saw a real boost in the development of tourism by the Egyptians. But the 2011 revolution inflicted a shock in the local econonmy.

Taba – Sinai Park – luoghi del turismo di massa                                                                                                               svuotati dal pericolo del terrorismo;                                                                                                                                     Andrea & Magda

 

Women we have not lost yet

ghibellina donne bombe

Le donne di Aleppo sotto le bombe –                                                                                                                                                     Issa Touma

 

Lohos

ghibellina donna fuoco

 

Le Pietre di Palermo

ghibellina le pietre di palermo

 

12

ghibellina treno

 

From there to here

Lampedusa, Italia - La barca con oltre 100 immigrati provenienti dalla Tunisia segnala la sua presenza ad un peschereccio egiziano per chiedere la direzione verso le coste italiane; dall'inizio dell'anno sull'isola siciliana sono approdati oltre 40.000 persone provenienti da vari punti del Maghreb. Lampedusa, Italy - The boat with 100 immigrants from Tunisia signals its presence to an Egyptian fishing boat to ask the direction to the Italian coast, from the beginning of the year landed on the island of Sicily over 40,000 people from various points of Maghreb. Ph.Giulio Piscitelli
Lampedusa,Italia – La barca con oltre 100 immigrati provenienti dalla Tunisia segnala la sua presenza ad un peschereccio egiziano per chiedere la direzione verso le coste italiane; 
Ph.Giulio Piscitelli

 

Lumierè

ghibellina spazio

 

La Madre,il Figlio e l’Architetto

ghibellina mamma figlio e architetto

 

Silent Houses

ghibellina casa

 

Wunderkammer

ghibellina ultime immagini

 

God was there and I got so close

ghibellina dio

 

A failed Entertainement

 

a failed

 

Allure of the Seas

 

Die Allure of the Seas von Royal Caribbean, April 2011#The Aqua Teather in the Royal Caribbean cruise ship Allure of the Seas travelling in the Eastern Caribbean, April 2011
Allure of the Seas – Royal Caribbean; Aprile 2011

 

Phoenix 

phoenix

 

 

Ahead

ahead

 

 

 

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *