Le stelle cadenti, una magia senza fine

 

Anche quest’anno la notte di , che cade come sempre il , accende gli animi dei più romantici. Infatti il fenomeno delle stelle cadenti, che in termini scientifici non è altro che la pioggia di in cui si imbatte la Terra tra Luglio ed Agosto, è atteso tutto l’anno non solo da appassionati e studiosi di astronomia. In molti decidono di trascorrere quella notte col naso all’insù, magari in spiaggia dopo un falò, nella speranza di vedere una stella cadente e di poter esprimere un desiderio che possa realizzarsi di lì a poco. Questa tendenza assume svariate forme nel corso dei secoli e diverse sono le testimonianze che la associano all’una o l’altra credenza.

Credenze e superstizioni sulle stelle cadenti

stelle
San Lorenzo dipinto da Giotto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo alcuni le stelle cadenti non sarebbero altro che le lacrime di San Lorenzo, poiché il 10 Agosto ricade la ricorrenza del suo martirio. Era di questo avviso lo stesso Pascoli che dedicò all’evento addirittura una poesia. Anche nell’antichità la caduta delle stelle veniva interpretata in modi estremamente diversi, a metà strada tra il sacro e il profano. A  seconda della cultura di riferimento il fenomeno era considerato un presagio negativo o positivo. Secondo alcuni il movimento delle scie luminose era ascrivibile all’avvenuto trapasso delle anime nel regno dell’aldilà. Second altri le stelle erano le anime di coloro che erano fermi in purgatorio e non riuscivano a giungere in paradiso. Oggi invece secondo gli indù le stelle sono delle vere e proprie anime che scendono sulla terra per reincarnarsi.

 

Cosa fare la notte di San Lorenzo?

A latere delle leggende, l’attenzione rivolta verso questo fenomeno è ancora oggi molto presente. A riprova di ciò basta considerare che anche quest’anno sono molti gli eventi organizzati ad hoc in tutta Italia per valorizzare l’evento. Al Planetario di Milano è previsto un doppio appuntamento con le stelle, alle 15 e alle 21, che prevede un’osservazione guidata alla scoperta della notte di San Lorenzo. A Roma ci si dà invece appuntamento sulla terrazza del Pincio o su quella dello Zodiaco. Entrambe sono in grado di offrire agli spettatori una scenografia stellare tutt’altro che scontata.

La notte di San Lorenzo illumina però anche il Sud. A Napoli in piazza del Plebiscito ci sarà l’attesissima manifestazione dal titolo “Mandolini sotto le stelle“, spettacolo di musica che avrà anche carattere scientifico, perché organizzato con l’aiuto dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte. A ciò si aggiungono altrettanti eventi, sagre e manifestazioni tesi a celebrare questa ricorrenza così peculiare.

 

Che cosa sono le stelle cadenti?

stelle
La foto ritrae una stella cadente.

 

 

 

 

 

 

 

 

Pur vero è che il fenomeno delle Perseidi – così definite dal nome della costellazione di Perseo – è molto suggestivo, poiché si verifica quando la Terra attraversa l’orbita di una cometa che ha lasciato dietro di sé detriti di roccia. Tali detriti appaiono ai nostri occhi come frammenti luminosi scagliati sulla Terra, dal momento che viaggiano alla velocità di circa 60 km al secondo. Lo spettacolo è dunque sempre assicurato e anzi potremmo ritenere che forse questo è uno di quei pochi eventi in grado di unirci e farci sentire parte di un unico universo.

Ogni anno milioni di persone decidono di trascorrere la notte al chiaro di luna, condividendo tempo, pensieri e speranze per il futuro con le persone più care. Forse proprio questo, a prescindere o meno dalla realizzazione del desiderio espresso, è ciò che rende la notte del 10 Agosto magica. Del resto come si può resistere alla bellezza di un cielo stellato?

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *